DETTAGLIO NEWS
26-06-2012 - Arte & Cultura
Patrizio Mugnaini, con la sottile raffinatezza delle sue tele, partecipa alle Mostre di Spoleto Arte, ideate e curate dal Professor Vittorio Sgarbi
Le opere dell'artista, di origini argentine, saranno esposte dal 30 giugno presso Palazzo Racani Arroni, nel centro storico di Spoleto

La produzione artistica di Mugnaini, intensa e vibrante, traccia le 'ere geologiche della sua anima'. Un percorso ritmato da colori, da luci e da ombre dai contorni spesso decisi. La definizione del tratto pare esaltare la forza dei moti dello spirito e del vissuto intimo, dai quali traggono linfa le sue opere.
Nelle tele dell'artista di origini argentine si compie, infatti, un viaggio metaforico oltre il tangibile. Il suo sguardo e il suo pennello s'insinuano negli spazi segreti e intimi dell'essenza simbolica e onirica dell'esistenza. Nel  lato oscuro, ad esempio, le due sagome stilizzate che si tengono per mano sembrano essere un invito alla conciliazione delle due facce dell'uomo: quella spirituale e quella materiale, quella conscia e quella inconscia. In questo senso le tele di Patrizio Mugnaini irradiano energia cosmica.
La levità materica dei quadri di Patrizio Mugnaini celebrano l'arte all'interno della magnifica cornice storica spoletina di Palazzo Racani Arroni. Le sue opere saranno esposte accanto a quelle di grandi maestri del Novecento, tra cui Fausto Pirandello, Gillo Dorfles e Gaetano Pesce.
L'inaugurazione, aperta al pubblico, è prevista per sabato 30 giugno 2012 alle ore 18.30 alla presenza del curatore, Vittorio Sgarbi e di eminenti personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo.
Le Mostre di Spoleto Arte rappresentano un'occasione imperdibile per incontrare la luce irradiante dell'arte contemporanea, di cui Patrizio Mugnaini è grande interprete.