DETTAGLIO NEWS
20-05-2015 - Cronaca
POMPEI:SINDACO RESPINGE DIMISSIONI ORSINERI

“Ho atteso alcuni giorni affinché la concitazione andasse scemando per esprimere il mio pensiero in maniera equilibrata, serena ed obiettiva. Il gesto di alto profilo morale compiuto dal vicesindaco Orsineri poche ore dopo la notizia che, suo malgrado, lo ha visto coinvolto lo rende ancor di più una persona degna. Questo vuol dire che tale decisione è stata maturata pochi istanti dopo aver appreso della gogna mediatica. Non ha esitato un solo momento e, di certo, non mi meraviglia tale comportamento conoscendone la moralità e la rettitudine, nonché il profondo senso istituzionale e di rispetto verso questa amministrazione. Orsineri è completamente estraneo ai fatti denunciati dalla stampa, della cui veridicità saranno altri organi a valutarne l’esistenza. 

 

Come molti giovani pompeiani, lo stesso Orsineri è andato via dalla sua città per motivi di lavoro, vivendo lontano da Pompei fin quando non si è presentata la possibilità di contribuire, con la sua esperienza, ad un percorso di sviluppo della comunità pompeiana. Orsineri non è né eroe, né vittima, è semplicemente una persona perbene. Il fango mediatico è strumento politico di chi non ha progetti da proporre e idee da condividere, non risparmia lo scenario politico nazionale, figurarsi se possa esimere la nostra città che, con sforzo enorme, cerca di scrollarsi di dosso anni di cattiva amministrazione.

 

La responsabilità di tale scelta è mia e non ho alcun dubbio in merito: confermo in modo incondizionato la mia fiducia al vicesindaco Orsineri. E’ giusto che si passi al setaccio ogni nostra azione amministrativa, è giusto che l’opposizione esprima il suo giudizio in merito, così come lo debbano fare i veri protagonisti della vita pubblica cittadina: i pompeiani. E’ giusto aprire un serrato confronto su questi aspetti, a volte anche aspro. Ma a tutto c’è un limite. Non ravvisando alcun profilo di incompatibilità con la carica assessoriale, rigetto il nobile gesto del vicesindaco di offrire le dimissioni con la certezza che egli continuerà il lavoro profuso in questi mesi.”