DETTAGLIO NEWS
01-12-2015 - Arte & Cultura
I NUOVI DIRETTORI dei MUSEI DELLA CAMPANIA per l'ultimo incontro di "Lasciateci divertire. L'arte si riprende la scena"
Napoli Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia ottobre—dicembre 2015

Con un titolo volutamente ludico si apre, negli splendidi spazi della Chiesa di
Santa Maria Donnaregina Vecchia, una serie di incontri pubblici che parlano
di arte e di come la si espone, delle mostre più belle, di archeologia e di
archeologi, dei nuovi direttori dei musei italiani, del «lavoro culturale», di
paesaggio, di Milano, di Napoli, di Roma, di questo Paese.
I beni culturali sono diventati soggetto di cronaca, tra crolli, furti e chiusure,
il dibattito è vivace, la bibliografia sul patrimonio si è moltiplicata e ha perso
quell’aria polverosa. Le mostre sono diventate oggetti di culto, il pubblico è
social, la professione curator è al centro, come direbbe Obrist, in «un tentativo
d’impollinazione fra culture, di disegnare mappe, che schiude percorsi nuovi
attraverso una città, un popolo o un mondo».
Le idee insomma corrono veloci e gli incontri proposti intendono soffermarsi su
queste tesi con le voci autorevoli che in questo Paese costituiscono il sistema
dell’arte e dei musei.
Il ciclo d’incontri è promosso dalla Soprintendenza Speciale per i Beni
Archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia in collaborazione con Electa
e la Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee di Napoli ed è
ospitato – grazie alla gentile concessione della Curia Arcivescovile e del
Museo Diocesano di Napoli – nello splendido contesto della Chiesa di Santa
Maria Donnaregina Vecchia.
Darà il via ai lavori il racconto di due recenti mostre che, con successo,
hanno saputo raccontare le complesse vicende della trasmissione e ricezione
dell’antico, valorizzando in maniera esemplare un modello di esposizione
profondamente legato alla creazione architettonica contemporanea.
”Pompei e l’Europa” al Mann e a Pompei, raccontata da Luigi Gallo
con Francesco Venezia e Benedetta Craveri
”La forza delle rovine” a Palazzo Altemps, raccontata da Marcello Barbanera,
Michele Dantini, Carlo Rescigno e Valeria Parrella.
Nell’incontro successivo,
introdotto dal Direttore del Museo Madre, Andrea Viliani, si parlerà
di due musei iconici di Napoli, della loro storia, del dialogo possibile:
il Museo Archeologico Nazionale e il Museo MADRE di Napoli.
Ne parlerà con Massimo Osanna e Antonio Ferrara.
Mostre contro Musei: combattimento per un’esposizione
è un titolo provocatorio per introdurre e discutere intorno al fenomeno delle
mostre in rapporto ai musei e alle loro collezioni, alle esperienze estere, alle
peculiarità nostrane.
Aprirà il confronto Rosanna Cappelli, Direttore di Electa,
con Mario Torelli, Cinzia Dal Maso e Andrea Viliani.
Per finire,
Massimo Osanna, Soprintendente di Pompei, parlerà di patrimonio,
identità e crescita insieme a Sebastiano Maffettone, Consigliere del Presidente
della Regione Campania con delega per le Organizzazioni Culturali, Mariella
Utili e Pierpaolo Forte e ai nuovi direttori dei musei della Campania che si
presenteranno al pubblico: Sylvain Bellenger, Mauro Felicori, Paolo Giulierini
e Gabriel Zuchtrigel.
La chiesa monumentale di Santa Maria Donnaregina Vecchia, insieme agli
straordinari allestimenti di Daniel Buren appena inaugurati per il Museo
Madre, ospiterà questi incontri aperti al pubblico e al dibattito, pensati come
un momento di maturazione civile.