DETTAGLIO NEWS
03-10-2017 - Speciale
Bartolo Longo, la Festa nella sua Pompei e la peregrinatio a San Giuseppe Vesuviano

  Il 5 ottobre, nella città mariana, si svolgeranno i festeggiamenti in onore del Fondatore. Dal 6 all’8, invece, sarà San Giuseppe Vesuviano, dove ha operato Mons. Giuseppe Ambrosio, a ricordare la figura del Beato Longo e il legame con il fondatore del Santuario dedicato allo sposo di Maria

~~Giovedì 5 ottobre 2017, Pompei ricorderà il suo Fondatore, il Beato Bartolo Longo, in occasione del 91° anniversario della morte. Le celebrazioni avranno inizio al mattino con le sante Messe delle 9.30 e delle 11.30, alle quali parteciperanno gli studenti delle scuole primarie e secondarie della città. Alle 15.30, l’Urna contenente le reliquie del Beato sarà accolta presso il Centro Educativo “Bartolo Longo”, dove si pregherà fino alle 18, quando l’Arcivescovo di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, presiederà la Messa. Alle 19, partirà la tradizionale processione che si snoderà attraverso le strade principali della città. La giornata si concluderà con uno spettacolo di fuochi pirotecnici, omaggio al Beato dell’Associazione “Amici di Bartolo Longo”.
 Dopo due giorni, un altro evento celebrerà la memoria del Fondatore della Nuova Pompei. L’urna che ne custodisce le spoglie sarà accolta a San Giuseppe Vesuviano (Na), dove ha vissuto ed operato Mons. Giuseppe Ambrosio, fondatore del Santuario di San Giuseppe, di cui lo stesso Bartolo Longo fu benefattore.
 L’arrivo dell’urna sarà preceduto, venerdì 6, alle 19, da una tavola rotonda che ricorderà la profonda amicizia tra i due. Saranno padre Angelo Catapano, giuseppino del Murialdo, e Mons. Pasquale Mocerino, Rettore del Santuario di Pompei, a raccontare del legame tra Bartolo Longo e Mons. Giuseppe Ambrosio.
 Il rapporto tra i due fondatori, durato parecchi anni, si è concretizzato nel sostegno reciproco per la costruzione dei Santuari ai due santi sposi, Maria e Giuseppe, a pochi chilometri di distanza nel territorio vesuviano. Il legame si fa ancora più tangibile nelle Opere di Carità fondate dall’uno e dall’altro a favore dell’infanzia sola, orfana o abbandonata.
Sabato 7, alle 17.30, l’urna sarà accolta davanti al municipio del comune vesuviano dal sindaco, Vincenzo Catapano, e da tutta la comunità. Poi, il corteo verso il Santuario dove, alle 18.30, il vescovo di Nola, Mons. Francesco Marino, presiederà la santa Messa. Domenica 8, ultimo giorno di permanenza dell’urna a San Giuseppe Vesuviano, sarà Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo di Pompei, a presiedere la celebrazione eucaristica delle 18.30. Nell’occasione, sarà donata una reliquia del Fondatore di Pompei al Santuario di San Giuseppe.