DETTAGLIO NEWS
22-10-2012 - Arte & Cultura
Pompei: Caro amico santo ti scrivo… presentazione del libro di don Ivan Licinio
Il 25 ottobre, alle 19.30, presso la Sala Marianna De Fusco del Santuario

Sarà lo stesso don Ivan Licinio, sacerdote del clero pompeiano e autore di “Caro amico santo ti scrivo. Alcuni rapporti epistolari del Beato Bartolo Longo”, a presentare la sua opera appena pubblicata dalle edizioni San Paolo. L’appuntamento è per giovedì 25 ottobre, alle 19.30, presso la Sala Marianna De Fusco del Santuario.

Con l’autore, interverranno don Giuseppe Esposito, Direttore dell’Archivio e Biblioteca “Bartolo Longo” del Santuario, e il Prof. Alfonso Langella, Docente di Mariologia presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale “San Tommaso d’Aquino” di Napoli. Saluterà i presenti, anche Mons. Carlo Liberati, Arcivescovo e Delegato Pontificio di Pompei.

Mettete un avvocato giovane, innamorato di Dio e della Madonna, a Valle di Pompei, una terra semi deserta, dove a regnare sono ignoranza e analfabetismo e non sorge che una vecchia e fatiscente chiesetta. Mettete al suo fianco una donna, che come lui spende tutte le energie per la rinascita morale e spirituale di questa terra, e tanti amici “santi”, già prima d’essere riconosciuti tali, che lo sostengono e lo accompagnano in questa sua opera straordinaria. Leggete con attenzione le lettere che scambiava con questi “amici” e conoscerete quelle intuizioni profetiche e caritative a servizio dell’umanità debole e della Chiesa che lo hanno guidato nella costruzione di una città, di uno dei santuari più visitati al mondo, e di opere di carità che hanno dato accoglienza a centinaia di bambini abbandonati del suo tempo e di quelli a venire.

Tantissimi sono i documenti e gli scritti del Beato, oggi custoditi nella Biblioteca del Santuario, che ci hanno permesso di conoscere la sua opera, ma sono soprattutto i rapporti epistolari che egli intratteneva con i suoi amici “santi” che ci danno testimonianza di come questi personaggi, di tale levatura morale e spirituale, hanno influenzato il suo percorso di fede. Tra questi, san Giuseppe Moscati, santa Caterina Volpicelli, san Giovanni Bosco, il servo di Dio Eustachio Montemurro, san Pio da Pietrelcina, Giuseppe Toniolo, il beato Ludovico da Casoria.

Don Licinio ci svela, dunque, attraverso le pagine del suo libro, che si pregia della presentazione del Prof. Francesco Asti, Docente di Teologia Spirituale presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, come la Provvidenza, tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900, abbia intrecciato la storia di Bartolo Longo con quella di tanti uomini e donne santi, dando vita a un ricamo perfetto della volontà di Dio, concretizzata in opere di carità e di promozione umana.