DETTAGLIO NEWS
24-03-2018 - Cronaca
UN NUOVO PERCORSO POLITICO PER EVITARE CHE LA CRISI SOCIALE E CULTURALE IN ATTO PROVOCHI UNA MAGGIORE INSTABILITÀ POLITICA


Nel mondo, di fronte alla globalizzazione, all'urbanizzazione, alle migrazioni di massa "le sinistre" sono in grande difficoltà.
In Italia la difficoltà è ancora più grave per la mancanza di in confronto culturale e di massa sulla società possibile di domani.
Nonostante tutto pezzi di "sinistra" in Italia esistono ancora, penso all'esperienza amministrativa di Pisapia a Milano, quella di Vendola in Puglia, la difesa dei diritti umani del governo di Renzi e le politiche di Cuperlo contro le diseguaglianze in Europa.
Il problema è che queste esperienze non si parlano tra loro, e ciò impedisce ai cittadini di riconoscersi in un partito progressista di sinistra.
Credo che bisogna costruire un nuovo spazio politico dove queste esperienze di sinistra possono essere discusse e trovare elementi condivisi. Uno spazio neutro in cui in molti, indipendentemente dal ruolo che occupano nella società, si sentirebbero rappresentati.
Questo spazio genererebbe un programma politico senza fini elettorali dove lavoratori, anziani, giovani, professionisti lo attuano come una forma di missione di vita condivisa.
Questi principi, queste azioni a mio avviso vanno calate anche a livello locale. In questi giorni stiamo vivendo una frenetica attività politica per consolidare e rilanciare nel nostro Comune un progetto politico di crescita, ma anche di ripresa di un’azione amministrativa nel tempo appannatasi.
I prossimi saranno giorni decisivi per il futuro della nostra amata città, che si avvia velocemente alla tornata elettorale per l’elezione del sindaco e per il rinnovo del consiglio comunale; giorni in cui dovrà prevalere il senso di responsabilità di tutti per proporre alla nostra comunità una squadra coesa e una proposta politica snella ma efficace, capace di governare la città che, consapevolmente dobbiamo riconoscere, vive ancora un momento di affanno, di disagio.

Boscoreale ha bisogno di donne e uomini che mettano al servizio della comunità tante energie, impegno, passione, professionalità e capacità di governare le tante emergenze, le tante difficoltà. Boscoreale ha bisogno di poche cose: proseguire lungo il non facile percorso di risanamento del bilancio comunale, che continua a soffrire per le deficitarie gestioni politiche dell’ultimo ventennio; assicurare i servizi essenziali al cittadino: scuole efficienti e sicure, servizi sociali con attenzione massima alle fasce più deboli quali disabili e anziani , manutenzione delle strade, pulizia e sicurezza. Pochi progetti, ma con idee chiare  e mirate, e la responsabilità di destinare unicamente risorse di bilancio a queste priorità.