DETTAGLIO NEWS
05-04-2018 - Cronaca
“Boscoreale in marcia” per dire NO alla Camorra, alla Violenza e alla Criminalità


Uno dei cortei muoverà dal Piano Napoli Passanti, un quartiere che vive un forte disagio sociale e dove con più forza vanno riaffermati i temi e i princìpi di legalità e solidarietà. Un quartiere, dove la scuola è un baluardo contro ogni forma di illegalità e di violenza.
“Boscoreale in marcia” è stato fortemente voluto dall’assessore alla Legalità e Pubblica Istruzione, Valentina Mazzola, che ha messo al centro gli alunni che saranno i protagonisti assoluti della manifestazione che, a chiusura dei cortei, si terrà presso l’area mercatale di via Passanti.
L’evento, che si svolge a conclusione di un percorso di studi, incontri e attività formative ed educative per la settimana della legalità svolto dagli alunni, è anche occasione per valorizzare l’impegno e partecipazione civile, per rafforzare i legami di solidarietà e per contribuire a costruire una società fondata sui valori della legalità e della giustizia.
Per l’occasione gli studenti proporranno, quale spunto di riflessione, alcune le letture sulla legalità.
È prevista la partecipazione dell’assessore regionale all’istruzione, Lucia Fortini, del vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli, Salvatore Pace, di Maria Luisa Iavarone, professore ordinario di pedagogia generale e sociale presso l’Università degli Studi di Napoli Parthenope, e di Luigi Coppola, testimone di giustizia, presidente del movimento per la lotta alla criminalità organizzata. 

“Una marcia per rinnovare il nostro quotidiano e continuo impegno di contrasto a ogni forma di illegalità e di violenza – spiega il sindaco Giuseppe Balzano -. Ringrazio i dirigenti scolastici e i docenti per il diuturno impegno che profondono per insegnare agli alunni a diventare cittadini consapevoli dei propri diritti e doveri, rispettosi della legalità contro ogni forma di violenza e sopraffazione dell'altro. I valori fondamentali di onestà e legalità  - conclude il sindaco Balzano - accompagnano la nostra quotidiana azione amministrativa”.