DETTAGLIO NEWS
22-06-2018 - Cronaca
PREFETTO E SINDACO HANNO SOTTOSCRITTO IL PATTO PER LA SICUREZZA URBANA

Presso la Prefettura di Napoli, stamattina, il sindaco Antonio Diplomatico ha sottoscritto con il prefetto Carmela Pagano il  “Patto per la sicurezza urbana” per l’estensione, sul territorio comunale, della piattaforma di videosorveglianza per la prevenzione e il contrasto ai fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, per le zone ad alto rischio, e potenziamento della centrale di monitoraggio connessa alle Forze dell’Ordine.  

Il Comune, difatti, ha già approvato il progetto di massima per la “Realizzazione Sistema Integrato di Sicurezza Urbana mediante impianto di videosorveglianza sul territorio comunale” finalizzato all’accesso ai contributi stanziati dal Ministero dell’Interno.  

“La sottoscrizione del Patto è un passo risolutivo per il potenziamento delle misure di sicurezza della città – ha dichiarato il sindaco Antonio Diplomatico -  L’attivazione di un moderno e adeguato sistema di videosorveglianza, monitorato costantemente dalle Forze dell’Ordine - ha aggiunto il sindaco -, ha la finalità di migliorare la vivibilità cittadina con azioni volte alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di criminalità, e di impulso al rispetto del decoro urbano. Garantire la sicurezza dei boschesi è la mia priorità  - ha concluso il sindaco-”.

Al rientro dalla Prefettura si è svolto un incontro istituzionale tra il sindaco Antonio Diplomatico e il comandante della stazione dei Carabinieri Massimo Serra. Un’occasione per un proficuo scambio di vedute sulla situazione della sicurezza e della legalità in città.  Nel corso del cordiale colloquio il sindaco Diplomatico ha espresso al comandante Serra  “Ringraziamento per l’incessante e preziosa opera di prevenzione, controllo del territorio e repressione del crimine, che l’Arma dei Carabinieri svolge a tutela della comunità boschese” assicurando “Piena e proficua collaborazione per il perseguimento del bene comune, in un territorio, come il nostro, vasto e disagiato che vede nei Carabinieri un riferimento imprescindibile, un baluardo di legalità”.